febbraio 28, 2018 Moltivolti

#MolteStorie: Memory, il primo bagno a mare e la

 polenta

Mi chiamo Memory Melania Mutanuka e a Moltivolti lavoro in sala.

Ho 23 anni e vengo da Lusaka, la capitale dello Zambia, nel sud-est dell’Africa. Sono arrivata in Italia a 20 anni per seguire il mio sogno di studiare turismo all’università, in Zambia ho terminato il liceo e davo una mano a mio padre nel lavoro dei campi. Qui ho raggiunto mia sorella che viveva già in Italia con un viaggio lunghissimo: prima si vola da Lusaka a Johannesburg, poi a Dubai e infine a Roma, dove si prende l’ultimo volo per arrivare finalmente a Palermo. Qui ho immediatamente provato a iscrivermi all’università ma ho scoperto che il mio titolo di studio non valeva in Italia, così mi sono rimboccata le maniche e prima ho conseguito la licenza media e poi mi sono iscritta all’Istituto tecnico per il turismo per riprendere il diploma, lavorando nel frattempo a Moltivolti. Finiti gli studi il mio sogno è di diventare una hostess per viaggiare e girare il mondo.

La cosa che mi manca più del mio Paese è sicuramente la famiglia, lì ho lasciato due fratelli e tre sorelle, ma mi manca anche l’atmosfera, più tranquilla e familiare rispetto a Palermo. Qui mi sono ambientata bene, i problemi principali sono stati all’inizio la lingua e successivamente abituarmi alla città e alla sua confusione. La cosa che mi piace più di Palermo?Il mare è molto bello, in Zambia non c’è e io non l’avevo mai visto prima perchè era troppo lontano e bisognava andare in un altro Stato.

Un piatto tipico dello Zambia? La polenta! Si chiama “nshima“, è uguale al piatto italiano e si mangia come contorno delle verdure, della carne o del pesce.

Se dovessi riuscire a realizzare il mio sogno mi mancherebbe Moltivolti, lavorando qui ho costruito delle amicizie molto belle come quella con Gambia, ho imparato tanto e ho anche assaggiato per la prima volta il mio piatto preferito, l’hummus.

Qui è come casa.